soccorso montagna e falesiatrieste on sight
Soccorso: lesioni da freddo
arrampicata sportiva
allenamentofalesiemateriali e attrezzatureboulderingsoccorso
 


cenni di primo soccorso


Introduzione
• mal di montagna
stato di shock
colpo di calore
lesioni da freddo
fratture
distorsioni, lussazioni
ferite agli occhi
punture di insetti
morso di vipera
morsi di animali
• posizione di sicurezza

Primo soccorso



luoghi dell'arrampicata
Falesie a Trieste:
Costiera
Napoleonica
Sistiana
Val Rosandra




Nozioni di primo soccorso


Lesioni da freddo
Congelamento
Assideramento



Congelamento


E' il raffreddamento localizzato di alcune parti del corpo dovute all'esposizione a basse temperature. In genere sono colpite le estremità, quali le dita (delle mani e dei piedi), la punta del naso, le guance e le orecchie.

Sintomi
Fase iniziale
• lieve dolore iniziale che scompare, assieme alla sensibilità
• sensazione di formicolio o pizzicorio della parte interessata
• possibile gonfiore e indurimento
• cute leggermente pallida
Fasi avanzate
Se non trattato precocemente, il congelamento porta ad un progressivo arresto della circolazione del sangue nella parte colpita, assenza completa di sensibilità, la pelle è cianotica, si formano delle bolle (prima sierose poi emorragiche) e si avvertono dolori molto intensi.
L'ultimo grado di congelamento porta al blocco della circolazione nella parte interessata, si hanno fenomeni necrotici (morte) nei tessuti, fino alla perdita della parte.

Trattamenti
• portare l'infortunato in un ambiente riscaldato, o proteggerlo da vento e umidità
• rimuovere ogni ostacolo alla circolazione sanguigna
• togliere gli indumenti bagnati
• asciugare la parte con delicatezza
• riscaldare le parti in acqua con temperatura tra i 35 e i 40°C
• in mancanza d'acqua riscaldare con indumenti o con le mani senza strofinare
• provvedere al ricovero in ospedale

Da evitare
• la frizione con le mani o con la neve
• il riscaldamento con fonti di calore secco (fuoco, stufa, marmitta auto, ecc.)
• la perforazione delle bolle
• la somministrazione di bevande alcoliche




Assideramento (o ipotermia)

E' il raffreddamento di tutto il corpo (sotto i 35°C) dovuto all'esposizione prolungata a basse temperature. Vi è diminuzione della temperatura corporea (3°C ogni ora), da cui deriva una progressiva e marcata riduzione delle funzioni vitali.

Sintomi
Fase iniziale
• accentuato pallore del viso e del corpo
• presenza di brividi e agitazione
• polso accelerato e respiro rapido
• dolori articolari e muscolari
Seconda fase
• difficoltà o scarsa coordinazione nei movimenti
• stato di confusione o sonnolenza
• polso aritmico e respiro rallentato
• rigidità muscolare
Fasi avanzate
Se l'esposizione al freddo continua e la temperatura corporea scende al di sotto dei 30°C si verifica uno stato di incoscienza e le funzioni vitali sono estremamente rallentate, che via via peggiorano fino alla completa assenza e all'arresto cardiaco.

Trattamenti
• portare l'infortunato in un ambiente riscaldato, o riparato da vento e umidità
  (spostarlo sempre con movimenti lenti e mantenerlo in posizione orizzontale)
• sostituire gli indumenti bagnati con altri asciutti e caldi
• somministrare bevande calde
• somministrare ossigeno
• provvedere al ricovero in ospedale

Da evitare
• l'innalzamento della temperatura troppo rapido
• la somministrazione di bevande alcoliche
• i massaggi alle estremità



Sei in Lesioni da freddo: congelamento e assideramento

Torna alla pagina introduttiva del Primo soccorso



| home page


| allenamento | falesie | materiali | foto | soccorso | contatti

| inizio pagina