soccorso montagna e falesiatrieste on sight
Soccorso: morso di vipera
arrampicata sportiva
allenamentofalesiemateriali e attrezzatureboulderingsoccorso
 


cenni di primo soccorso


Introduzione
stato di shock
colpo di calore
lesioni da freddo
fratture
distorsioni, lussazioni
ferite agli occhi
punture di insetti
morso di vipera
morsi di animali
• posizione di sicurezza

Primo soccorso



luoghi dell'arrampicata
Falesie a Trieste:
Costiera
Napoleonica
Sistiana
Val Rosandra




Nozioni di primo soccorso


Morso di vipera

Sono quattro le specie di vipera presenti in Italia il cui morso e' velenoso:

Vipera ammodytes Vipera aspis Vipera berus Vipera ursinii
vipera ammodytes vipera aspis vipera berus vipera ursinii

Immagini concesse da www.herp.it

segni del morso di vipera

I segni del morso di vipera
Non sempre si riesce a vedere il serpente che ha morso e non tutti siamo in grado, anche vedendolo, di poterlo classificare come pericoloso o meno.
Il morso di vipera lascia sulla pelle dei segni caratteristici: due fori che distano circa 1 cm uno dall'altro (rossi nella figura a sinistra) lasciati dai denti veleniferi, spesso seguiti da dei forellini più piccoli lasciati dagli altri denti.

Attenzione, non sempre un morso presenta le caratteristiche sopra esposte. Potrebbe capitare che la vipera abbia perso un dente velenifero oppure il morso potrebbe non essere completo, quindi non sarebbero evidenti due fori ma uno, e non sempre sono visibili i forellini lasciati dagli altri denti.


Sintomi
• il morso in genere è molto doloroso
• fuoriuscita di sangue e siero dai due fori
• la zona si arrossa, si gonfia e risulta dolente

Dopo circa mezz'ora dal morso e con il passare del tempo si manifestano i seguenti disturbi:
• sete e secchezza della bocca
• cefalea e vertigini
• tachicardia
• calo di pressione
• crampi
• vomito
• diarrea
shock


Trattamenti
• rassicurare l'infortunato e mantenerlo calmo
• evitare i movimenti (aumentano la circolazione del sangue)
• effettuare un bendaggio che comprima l'arto colpito
  (puo' rallentare il manifestarsi dei disturbi sopra elencati di qualche ora)
• porre ghiaccio sulla zona ferita (rallenta la circolazione e attenua il dolore)
• attendere i soccorsi o raggiungere al più presto un ospedale
• se e' stato possibile uccidere il serpente, portarlo con se per farlo identificare


Cosa non fare
• l'infortunato non deve agitarsi o muoversi
  (per non accelerare la circolazione del sangue)
• non somministrare il siero antivipera
  (le statistiche dimostrano che e' più pericoloso degli effetti del morso stesso)
• non incidere la ferita
  (pericolo di altre lesioni o addirittura di favorire il contatto del veleno col sangue)
• non succhiare il sangue dalla ferita
  (il veleno puo' infettare anche da piccole lesioni delle mucose della bocca)



Torna alla pagina introduttiva del primo soccorso



| home page


| allenamento | falesie | materiali | foto | soccorso | contatti

| inizio pagina