soccorso montagna e falesiatrieste on sight
Primo soccorso in montagna e falesia
arrampicata sportiva
allenamentofalesiemateriali e attrezzatureboulderingsoccorso
 


cenni di primo soccorso

Cenni di primo soccorso per sapersi comportare in caso di traumi o incidenti e soccorrere un compagno infortunato.

Primo soccorso



luoghi dell'arrampicata
Falesie di arrampicata sportiva a Trieste.

Falesie


materiali e attrezzature

Tutto ciò che serve ad affrontare una giornata in falesia.

Materiali



meteo italia

Le previsioni a 24h per tutte le regioni italiane.

Previsioni Meteo



gradi di difficolta


Le scale di misura più usate per assegnare i gradi di difficoltà agli itinerari di arrampicata.

Tabella dei gradi





Primo soccorso in montagna e in falesia


Gli aspetti legali


Omissione di soccorso
Di fronte a un malore o a un incidente, è obbligo del cittadino intervenire, altrimenti compie un reato di omissione di soccorso, punibile penalmente con la reclusione, pena aggravata se dal mancato soccorso deriva un peggioramento della situazione o il decesso dell'infortunato.
In base all'articolo 593 del codice penale il cittadino non è obbligato a intervenire direttamente, soprattutto se non è esperto, ma deve avvertire le autorità predisposte: il numero per le emergenze sanitarie è il 118, e in alternativa si può chiamare il numero di pronto intervento 113.


Lesioni colpose
Se il soccorso viene prestato direttamente, il soccorritore lo fa a suo rischio e pericolo.
In altre parole deve cercare di proteggere la sua incolumità e deve anche assumersi la responsabilità del suo intervento. Se per disgrazia il soccorso prestato determinasse un peggioramento della situazione o un decesso, il soccorritore incorrerebbe nei reati di lesioni personali colpose o peggio ancora di omicidio colposo.
Il termine "colposo" indica una non volontarietà della conseguenza negativa, di cui tuttavia è responsabile per negligenza o imperizia.
Per questo è bene non intervenire direttamente, in mancanza di una certa esperienza e preparazione.


Lo stato di necessità
L'articolo 54 del codice penale, tuttavia, mitiga i rischi per il soccorritore, stabilendo che non è punibile chi provoca un peggioramento o un decesso dell'infortunato, se costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo non da lui volontariamente causato né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionale al pericolo.
In altre parole, se l'infortunato è in grave pericolo di vita e non è possibile agire altrimenti, anche un soccorso maldestro o un tentativo di soccorso è preferibile al lasciare l'infortunato a se stesso. Naturalmente il criterio di stato necessità è soggettivo e viene valutato caso per caso. Inoltre, l'intervento deve essere proporzionale al pericolo.


Tratto da "Linguaggio Globale - Guida al pronto soccorso"



Torna alla pagina introduttiva primo soccorso in montagna

Vai alla pagina delle fasi per affrontare un'emergenza




Gli interventi di primo soccorso:

Patologie sistemiche quando il danno e' esteso a tutto l'organismo
• mal di montagna
lesioni da freddo: assideramento
stato di shock
colpo di calore e colpo di sole

Patologie locali quando il danno e' limitato ad una parte dell'organismo
lesioni da freddo: congelamento
• scottature solari
• oftalmia solare

Traumi
fratture
distorsioni, lussazioni e contusioni
ferite agli occhi
punture di insetti
morso di vipera
morsi di animali

• posizione laterale di sicurezza




 

| home page


| allenamento | falesie | materiali | foto | soccorso | contatti

| inizio pagina